Nazionale di Calcio, Mancini convoca il triestino Pobega contro Svizzera e Irlanda del Nord

Nazionale di Calcio, Mancini convoca il triestino Pobega contro Svizzera e Irlanda del Nord
Ultime convocazioni del 2021 per Roberto Mancini. Sono 28 i calciatori chiamati dal Ct per le gare con Svizzera e Irlanda del Nord, in programma rispettivamente venerdì 12 novembre allo Stadio Olimpico di Roma e lunedì 15 novembre al ‘National Football Stadium at Windsor Park' di Belfast. Prima chiamata in Nazionale per il centrocampista del Torino Tommaso Pobega, mentre torna a distanza di un anno dall’ultima convocazione Sandro Tonali.
 
Saranno 180 minuti decisivi per la qualificazione alla Coppa del Mondo e il match tra Italia e Svizzera, appaiate a quota 14 punti al comando del Gruppo C, rappresenta un vero e proprio spareggio per il primo posto del girone che vale l’accesso diretto a Qatar 2022. Servirà dunque una grande prova dei Campioni d’Europa e tutto il sostegno dei tifosi, che riempiranno l’Olimpico per un’altra ‘Notte Magica’ dopo quelle vissute a EURO 2020.
 
Gli Azzurri si raduneranno domenica sera al Centro Tecnico Federale di Coverciano e raggiungeranno Roma mercoledì 10 novembre, quando è prevista la visita all’Ospedale Pediatrico ‘Bambino Gesù’. La Nazionale si fermerà nella Capitale dopo la gara con la Svizzera per trasferirsi domenica 14 novembre a Belfast, dove il giorno seguente è in programma l’ultima gara del girone con l’Irlanda del Nord.
 
ITALIA-SVIZZERA. La Svizzera è l’avversario più volte affrontato dagli Azzurri nella loro storia: 60 gare tra il 1911 e il 2021 e un bilancio nettamente a favore dell’Italia, con 29 successi, 23 pareggi (l’ultimo nella gara di andata a Basilea, 0-0) e solo 8 sconfitte. L’Italia è reduce da una serie positiva con gli svizzeri che dura da oltre 28 anni: 5 vittorie e 5 pareggi nelle ultime 10 sfide, l’ultimo ko risale al maggio 1993 (1-0 a Berna). L’ultima vittoria svizzera in Italia è ancora più lontana: ottobre 1982, a Roma, 0-1. Sarà la 63ª gara della Nazionale a Roma, la città che ha ospitato più volte gli Azzurri. In totale il ruolino di marcia parla di 38 vittorie (è la città con più vittorie per gli Azzurri), 17 pareggi e 7 sconfitte; 114 i gol fatti, 47 quelli subiti. L’Italia ha vinto le ultime 5 gare disputate a Roma e nelle ultime 4 non ha subìto reti (porta inviolata da 427’): battute nell’ordine Norvegia, Grecia, Turchia, Svizzera e Galles. L’ultimo ko risale all’agosto 2013, 1-2 con l’Argentina in amichevole (in rete per gli Azzurri Insigne). Già in 5 occasioni Italia-Svizzera si è disputata a Roma: il bilancio parla di 4 successi azzurri e 1 per gli elvetici, nell’ottobre 1982 (10/3 il computo delle reti); la Svizzera è l’avversaria più volte affrontata a Roma.
 
IRLANDA DEL NORD-ITALIA. Sono 10 i precedenti con l’Irlanda del Nord: 7 i successi (tutti in Italia), 2 i pareggi e una sola sconfitta ma pesantissima subita il 15 gennaio 1958 a Belfast (2-1), che sancì la prima mancata qualificazione degli Azzurri alla Fase Finale di un Mondiale, quello del 1958 in Svezia. Sono 3 le gare giocate in trasferta con l’Irlanda del Nord, tutte e tre a Belfast, dove l’Italia non ha mai vinto raccogliendo solo 2 pareggi e una sconfitta.
 
LA SITUAZIONE. Appaiate dopo le prime 8 giornate, in virtù di 4 vittorie e 2 pareggi, compreso lo 0-0 nella gara di andata a Basilea, Italia e Svizzera si giocano il primato del gruppo C delle European Qualifiers. Si qualifica per la Coppa del Mondo di Qatar 2022 solo la prima classificata del girone, mentre la seconda accederà ai play off, che da quest’anno hanno uno svolgimento nuovo. La fase di spareggio, in programma a marzo, vedrà coinvolte 12 squadre (le 10 seconde e 2 nazionali provenienti dalla Nations League) suddivise in 3 gruppi da 4 squadre, che si affronteranno in ciascun raggruppamento con gare di semifinale e finale, di sola andata. Le 3 vincitrici di questa fase si aggiungeranno alle 10 nazionali già promosse per il Mondiale.
 
LA NAZIONALE AL ‘BAMBINO GESU’’. Gli Azzurri arriveranno a Roma due giorni prima della gara con la Svizzera per un impegno speciale: la visita all’Ospedale Pediatrico ‘Bambino Gesù’, dove incontreranno i piccoli pazienti ricoverati. Sarà la seconda volta della Nazionale nell’ospedale pediatrico più grande d’Europa, una visita che segue quella dell’ottobre 2019 alla vigilia della gara Italia-Grecia, così da pareggiare le due visite dei pazienti dell’ospedale a Coverciano avvenute negli anni scorsi. Il legame tra la Nazionale e il ‘Bambino Gesù’ risale al 2015 e si è sviluppato attraverso numerose iniziative, tra le quali la donazione da parte della FIGC di un macchinario per analizzare la presenza di mutazioni del DNA in campioni diagnostici, acquistato grazie ad un contributo di 50 mila euro, consegnato all’ospedale per il tramite della Fondazione Bambino Gesù Onlus.
 
N.b Immagini video e foto saranno distribuiti da FIGC e OPBG, non è previsto l’accesso per i Media.
 
UN GOL PER LA RICERCA. In occasione di Italia-Svizzera, la FIGC partecipa alla 25ª edizione di ‘Un Gol per la Ricerca’, storica campagna della Fondazione AIRC che ha preso il via oggi. Le squadre della Serie A TIM e gli Azzurri della Nazionale scendono in campo compatti anche quest’anno al fianco di AIRC per invitare tutti i tifosi a sostenere i giovani talenti della ricerca sul cancro. Per vincere questa importante partita il calcio italiano gioca con il modulo 4-5-5-2-1, non solo un numero ma un vero gioco di squadra, una mobilitazione collettiva a cui ha aderito con convinzione anche il Ct Roberto Mancini, che apre la nuova campagna del Gol promuovendo lo schema AIRC: “Lo abbiamo già provato in passato! Solo con il 4-5-5-2-1 possiamo vincere questa sfida e fare tanti gol per la ricerca.” Mandando uno o più sms al 45521 insieme ad AIRC sarà possibile rendere il cancro sempre più curabile.
 
PROGETTO PERFORMANCE ITALIA CONI-FIGC. Lunedì 8 novembre alle ore 12 presso la Sala Giunta CONI al Foro Italico sarà presentato il progetto ‘Performance ITALIA’, una serie di programmi didattici in formato audio-video destinati agli staff tecnici prodotti dall’Istituto di Scienza dello Sport del CONI e dal Club Italia della FIGC. I primi 4 episodi affronteranno la ‘Tecnica dei movimenti specifici’. Interverranno Carlo Mornati, segretario Generale CONI, Marco Brunelli, segretario Generale FIGC, Alessandro Donati, coordinatore metodologia dell’allenamento dell’ISS del CONI e Valter Di Salvo, area Performance e Ricerca Club Italia FIGC.
 
SOGNO AZZURRO. Riprendono le riprese di ‘Sogno Azzurro’, la docuserie sulla Nazionale prodotta da RAI e FIGC che ha riscosso un notevole successo di pubblico nella prima stagione, con un totale di quasi 15 milioni di spettatori e il 14% di share medio per le 5 puntate trasmesse a giugno e luglio, con una punta record per la puntata ‘Road to Wembley’ di oltre 4 milioni (21% di share). La prima stagione della docuserie, tra l’altro, dalle scorse settimane è trasmessa anche da Netflix, che ha acquisito i diritti a livello globale, trasmettendo la serie, in diverse lingue, sulla piattaforma in numerosi paesi. La nuova docuserie andrà in onda su Rai 1 alla vigilia del Mondiale di Qatar 2022 in caso di qualificazione degli Azzurri.
 
ALTRE INIZIATIVE. Tra le altre attività, lunedì 8 novembre a Coverciano saranno presenti diversi ospiti per seguire il primo allenamento degli Azzurri: ci sarà Nonna Maria Assunta, che ha vinto il contest fotografico promosso dal Museo del Calcio in occasione della Festa dei Nonni, con il nipotino Francesco di 8 anni. La loro foto accanto alla Coppa Europa ha collezionato 1263 like sui Social e potranno così assistere all’allenamento della Nazionale, insieme a tutta la famiglia, in arrivo da Monterchi (AR). La loro visita al Museo era il regalo di compleanno per il piccolo Francesco. A seguire l’allenamento ci sarà anche una delegazione della Real Eyes Sport ASD, associazione sportiva impegnata con bambini con disabilità sensoriale visiva. L’Associazione è stata fondata da Daniele Cassioli, cieco dalla nascita per una retinite pigmentosa, pluripremiato campione mondiale ed europeo di sci nautico e membro della Giunta Nazionale del CIP (Comitato Italiano Paralimpico), e da alcuni professionisti che si occupano da anni della promozione, organizzazione e supporto di attività sportive e sociali. Tra gli ospiti ci saranno anche Giovanni e Giulia Deluca, papà e figlia diciassettenne in arrivo da Barletta, che erano nel gruppo dei 600 tifosi azzurri che hanno seguito la Nazionale a Wembley partendo dall’Italia e, nonostante le misure di sicurezza previste a Londra, al loro rientro sono risultati entrambi contagiati dal Covid. Tifosissimi della Nazionale, che avevano seguito già in trasferta a Euro 2012 e Euro 2016, dopo la sfortunata esperienza vissuta al ritorno da Wembley, avranno la possibilità di seguire da vicino la Nazionale a Coverciano. Presenti anche altri ospiti per lavorare su un progetto solidale per il Concerto di Natale in Vaticano, che coinvolge la Nazionale Italiana Cantanti, le Missioni Don Bosco e la Fondazione Pontificia Gravissimum Educationis.
 
L’elenco dei convocati
 
Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain), Alex Meret (Napoli), Salvatore Sirigu (Genoa);
Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Alessandro Bastoni (Inter), Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Davide Calabria (Milan), Giorgio Chiellini (Juventus), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Emerson Palmieri (Lione), Gianluca Mancini (Roma);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Bryan Cristante (Roma), Jorginho (Chelsea), Manuel Locatelli (Juventus), Lorenzo Pellegrini (Roma), Tommaso Pobega (Torino), Sandro Tonali (Milan), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Domenico Berardi (Sassuolo), Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Juventus), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Giacomo Raspadori (Sassuolo).