Pallamano Trieste corsara, espugnato il campo della Teamnetwork Albatro

Pallamano Trieste corsara, espugnato il campo della Teamnetwork Albatro
Teamnetwork Albatro - Pallamano Trieste: il resoconto del match
 
Teamnetwork Albatro - Pallamano Trieste 19-25 (9-8)
Teamnetwork Albatro: Bianchi 2, Morettin 1, Marino 1, Mantisi, Argentino, Bandiera, Fraj 3, Nobile, Calvo, Vinci 2, Burgio, Cuzzupé 1, Bobicic 5, Rosso 3, Mizzi, Randes 1. All.: Vinci
Pallamano Trieste: Radojkovic J., Aldini, Hrovatin 6, Nocelli 3, Pernic 2, Mitrovic 6, Di Nardo, Postogna, Visintin, Stojanovic, Zoppetti, Sandrin, Pagano, Bratkovic 8. All.: Radojkovic F.
 
Grazie ad un finale esaltante la Pallamano Trieste, nella trasferta più lunga del campionato, coglie il primo successo stagionale in un match molto equilibrato dove la formazione di coach Radojkovic ha saputo dare la spallata decisiva a 3' dalla conclusione.
 
La cronaca. Priva di Dapiran e con Di Nardo uscito anzitempo per infortunio Trieste patisce il buon avvio dei siciliani (4-1) prima di trovare il parziale utile al sorpasso siglato dalle reti di Mitrovic, Bratkovic e dalla doppietta di Hrovatin (4-5). I padroni di casa provano a scappare nuovamente mettendo un break con Bobicic e Cuzzupè (8-5) ma gli alabardati, nonostante qualche errore di troppo a livello offensivo, rimangono in scia chiudendo la prima frazione sotto di 1 (9-8).
 
Nella ripresa protagonisti sono soprattutto gli errori in attacco da ambo le parti con il tabellone a sbloccarsi dopo 4', la Teamnetwork tenta la fuga e lo fa con il neo acquisto Fraj (11-9 al 37'), dal versante opposto Mitrovic e Bratkovic recuperano il divario (11-11 al 39').
 
A questo punto l'inerzia, complice un calo degli ospiti, passa nelle mani dell'Albatro che prova, per l'ennesima volta, ad allungare (14-11), Trieste risponde ed è Bratkovic 2' più tardi a siglare il gol del pari (14-14 al 45') e quello del vantaggio (15-16 al 49').
 
L'ultima fiammata della Teamnetwork la si registra al 52' (19-18) poi in campo c'è solo Trieste: un buon Postogna tra i pali e la difesa 5-1 piuttosto aggressiva danno sicurezza al reparto, a tutto ciò si aggiunge una certa prolificità in attacco fornita dalle reti di Pernic, Hrovatin e Nocelli utili a chiudere, di fatto, la contesa a 180' dalla sirena (19-23). Bratkovic, con una doppietta, fissa il punteggio sul definitivo 19-25.
 
Tanta è la soddisfazione del ds Oveglia: “Partita indubbiamente difficile ma siamo stati bravi, nonostante la pesante assenza di Dapiran e l'infortunio patito da Di Nardo, a rimanere in corsa sino alla fine.
La difesa 5-1 adottata negli ultimi 10' e un attacco preciso si sono rivelati determinanti per la vittoria. Venendo ai singoli una nota di merito va data ai giovani Hrovatin e Aldini come va pure ricordato il buon minutaggio del diciassettenne Stojanovic”.