Pd attacca: "Destra in IV Circoscrizione boccia assemblea pubblica sull'ovovia"

Pd attacca: "Destra in IV Circoscrizione boccia assemblea pubblica sull'ovovia"
Pubblichiamo dal consigliere circoscrizionale del Pd Lauca Bressan
 
"La destra in IV Circoscrizione boccia assemblea pubblica sull’ovovia  
 
Il centro destra in IV Circoscrizione, nella giornata in cui è stato respinto il quesito sul referendum con la motivazione che i tempi per svolgere la consultazione sarebbero troppo stretti, ha deciso di bocciare la richiesta presentata da Partito Democratico, Punto Franco e Adesso Trieste che chiedeva lo svolgimento di un incontro in seno alla Circoscrizione e l’organizzazione di un’assemblea cittadina per parlare più nel dettaglio del progetto dell’ovovia.
 
Di per sé – chiarisce il capogruppo in IV Circoscrizione Luca Bressan – il testo non esprime nessuna contrarietà all’opera e chiedeva l’organizzazione di momenti di dibattito nella convinzione che siano utili a capire le ragioni di chi è più critico, le reali esigenze della cittadinanza ed, in caso, anche ad apportare modifiche all’idea progettuale. Sul punto basti pensare come la previsione che il sito di Campo Romano avrebbe ospitato la stazione di arrivo ad Opicina, sembra ormai superata dall’ipotesi Quadrivio e tale cambiamento sia stato una risposta alle perplessità sollevate dalla cittadinanza sull’opportunità della scelta del primo luogo anche alla luce del rischio per la tutela ambientale. Oltretutto la stazione di Opicina, stando alle ultime dichiarazioni, non sarebbe più la stazione di arrivo vista la volontà di prolungare il percorso fino al santuario di Monte Grisa. Il prolungamento del percorso – continua lo stesso Bressan – sembra una risposta ai dubbi sollevati dal punto di vista della sostenibilità economica nel lungo periodo dell’opera: è naturale che un percorso più lungo risponda all’esigenza di aumentare i potenziali fruitori del servizio rendendo più appetibile ed economicamente sostenibile la gestione del servizio nel tempo. Inoltre, così facendo, si cerca di dare una connotazione più turistica all’opera prima più improntata alle esigenze di spostamento “pendolare” tra Trieste ed Opicina ad ulteriore conferma delle perplessità sulla sostenibilità economica di lungo periodo dell’ipotesi iniziale.
 
Tutti questi motivi di continua novità – conclude il capogruppo PD in IV Circocrizione – dimostrano come il progetto sia poco definito e un dibattito pubblico sarebbe utile a far capire quale sia il preciso stato dell’arte riguardo all’opera. Spiace vedere che la destra abbia considerato inutile avere un confronto più diffuso e spero che il Presidente della IV Circoscrizione si attivi per quanto di competenza per favorire momenti di approfondimento".