Il Festival di Lubiana scalda i motori

Il Festival di Lubiana scalda i motori

L'estate è il momento in cui possiamo usare il nostro tempo libero per godere di lunghe e piacevoli notti calde. In quel momento, sentiamo il polso della città e delle sue strade, che vagano con i suoni della musica. Sarà anche al Festival di Lubiana, che anche prima dell'inizio ufficiale di questa edizione del Festival Lubiana 67 ° sta preparando un'ouverture estate per tutti gli amanti di grandi personalità che hanno lasciato un segno significativo nel mondo della musica. La settimana sarà caratterizzata dall'artista versatile Plácido Domingo e dalla first lady del pop sloveno, Marjana Deržaj. Un concerto introduttivo del lunedì sarà dedicato a Giuseppe Verdi e al suo magnifico Rekviem, che apparirà sotto la direzione di Plácido Domingo. Alla vigilia della prima giornata estiva, riempiranno le melodie selezionate delle più belle canzoni pop slovene eseguite da Marjan Deržaj nella loro lunga carriera. Rekviem verdiano sotto la bacchetta del famoso Plácido Domingo L'idea di un Requiem in Verdiju rivivere nel 1873, alla morte dello scrittore italiano Alessandro Manzoni, i grandi artisti e umanitari, e seguaci del compositore, profondamente impegnati agli ideali politici del Risorgimento. La morte di Verdi è un eroe personale gravemente colpito: "Lei è ... il bisogno del cuore, che è la migliore che si può fare, il culto questo grande uomo, che apprezzo come scrittore e di culto come marito e modello di virtù e di patriottismo." Ha fatto riferimento l'idea di qualche anno fa e ha creato una grande composizione vocale-strumentale, formata sulla struttura e proposte testuali della liturgia della chiesa. L'opera, che unisce decenni di esperienza nel giganti d'opera italiani, distinti orchestrazione magistrale e frizzante, tipica colorazione italiana e notevole sinergia vocale-strumentale. Questa volta, uno dei pezzi più belli della letteratura musicale apparirà sotto la direzione di tutti i noti tenori Plácido Domingo. Il leggendario musicista ha vinto numerosi dottorati e grammatiche onorari, e nella sua lunga carriera ha eseguito ben 150 ruoli tenore, che non ha avuto successo per nessun tenorista. È noto per essere stato membro della famosa band Three Tins per molti anni e recentemente è diventato sempre più riconoscibile come direttore d'orchestra. Il solista presenterà soprano Anna Pirozzi, mezzosoprano Annalisa Stroppel, tenore Arturo Chacón-Cruz e basbaritonist Roberto Tagliavini. I solisti si esibiranno con l'accompagnamento dell'Orchestra Filarmonica Slovena e dell'Orchestra Filarmonica Slovena e con l'Opera SNG e il Balletto di Lubiana. (17 giugno, Cankarjev dom) Un regalo alla first lady del pop sloveno Era una canzone pop e loro erano cantanti. Ma solo uno era Marian. Quello che abbiamo oggi per l'età d'oro della musica pop slovena è l'intreccio di molti artisti e dei loro doni per la musica. È un momento di diversa realtà sociale e relazioni più genuine, più umane tra le persone. Ma ci sono alcuni creatori che incarnano la canzone. Tra questi ci sono Marjan Deržaj. Cosa la distingueva da ciò che la separava da altre leggende? In un momento in cui l'udito, la voce e la recitazione sul palco non sono stati affatto discussi, è stata ammirata da un'insolita modestia. Umanità, accessibilità. La sua vita, non sempre facile, e anche senza un fascino stellato, la rendeva vulnerabile sul palcoscenico e sulla strada. Il pubblico lo ha riconosciuto e l'ha preso come se fosse il loro. Per tutta l'eternità. La "Summer Night" di quest'anno, dedicata a Marjana Deržaj, non sarà solo una delle società con una canzone slovena al falò. Sarà anche una specie di donna di hommage, che è spesso più grande della musica stessa. La musica di Marjana Deržaj tornerà dove lei si sente meglio. Nell'ambiente sicuro della principale orchestra di riviste, anche quest'anno sotto la direzione del direttore d'orchestra Patrick Grebel. Questa è la notte in cui i creatori non solo ricreano la musica di Marian; Lubiana e nel trasferimento tutta la Slovenia lo restituiranno solo una volta. Le più belle canzoni saranno eseguite da Darja Švajger, Nusa Derenda, Helena Blagne, Nina Strnad, Eva Hren, Katrinas, Jadranka Juras, Ana Bezjak, Monika Ensemble, Anja Strajnar, Braco Koren e Coro Giovanile della RTV Slovenia.