Pallacanestro Trieste batte Treviso, inizia nel migliori dei modi l'era Allianz

Pallacanestro Trieste batte Treviso, inizia nel migliori dei modi l'era Allianz

Torna alla vittoria, dopo quattro sconfitte di fila, la Pallacanestro Trieste: l’era Allianz comincia nel migliore dei modi, con un’affermazione 69 - 61 contro una Dè Longhi Treviso che si presenta al palasport di Via Flavia senza Cooke, Imbrò e Logan.

I biancorossi riportano in panchina Juan Fernandez e partono con il quintetto formato da Elmore, Justice, Jones, Peric e Mitchell: dopo il primo canestro della gara, firmato da Treviso, l’Allianz Dome viene inondato da peluches del “Teddy Bear Toss”, oramai diventato una piacevole tradizione a Trieste. A livello tecnico, invece, il primo quarto è da incubo: Nikolic è ficcante in cabina di regia, Elmore commette due falli in tre minuti e la Dè Longhi è carica a mille. Menetti schiera una zona per preservare i suoi uomini dai falli, cinque punti di fila di Alviti portano gli ospiti a +10 (4 - 14). Trieste non riesce a reagire ed è meno reattiva rispetto ai veneti: il solo Justice riesce ad avere qualche spunto vincente, ma l’ex biancorosso Parks amplia il margine fino al +18 (9 - 27).

Nella seconda frazione, Justice si infiamma e piazza sette punti di fila dando la carica all’Allianz Dome, prima della bomba di Chillo: Tessitori, poi, segna da sotto e anche da fuori, tenendo Treviso avanti 21 - 35. I biancorossi, però, riescono a scuotersi: le rotazioni ristrette di Menetti costano qualcosa in termini di lucidità alla Dè Longhi e una bomba di Mitchell, seguita da una schiacciata di Jones, riportano l’Allianz sotto la doppia cifra di scarto.

A metà incontro siamo sul 33 - 38, ma dagli spogliatoi emerge una Treviso decisamente intenzionata a vendere cara la pelle: Tessitori e Alviti regalano canestri “a trazione tricolore” a Menetti (35 - 46) e Dalmasson decide di chiamare time out a 4’58’’ dalla terza sirena. Peric segna da due ma poco dopo commette il suo quarto fallo e ancora Parks risulta prezioso per la Dè Longhi, andando un paio di volte a canestro. Justice (7/9 da due, 3/6 da tre, 6 rimbalzi) piazza la bomba, ma Uglietti segna e tiene Treviso avanti 40 - 53.

L’ultimo periodo, invece, è da sogno: Trieste trova energie insperate, mentre Treviso fatica tremendamente. Il parziale di 29 - 8 che caratterizza i dieci minuti conclusivi lascia di stucco i veneti: Justice e Jones segnano ancora dalla lunga, poi Elmore scodella un assist al bacio per Cooke. I biancorossi sono travolgenti, Treviso si trova a dover chiamare minuto (52 - 57 a 6’58’’) ma oramai è troppo tardi: un fallo dubbio chiamato a Cavaliero fa esplodere la panchina e coach Dalmasson si prende un fallo tecnico. L’elettricità all’Allianz Dome è palpabile, ma Trieste trova ulteriori energie: i liberi di Jones e Cavaliero danno il primo vantaggio all’Allianz sul 60 - 59, poi due bombe di Elmore chiudono definitivamente la partita, regalando al pubblico di Trieste un’affermazione liberatoria.

PALLACANESTRO TRIESTE - TREVISO   69 - 61

Allianz Pallacanestro Trieste: Coronica, Cooke 2, Peric 5, Fernandez ne, Jones 16, Strautins, Janelidze ne, Cavaliero 3, Da Ros 2, Mitchell 9, Elmore 8, Justice 24. All. Dalmasson Dè Longhi Treviso: Tessitori 11, Alviti 13, Nikolic 9, Parks 10, Chillo 5, Uglietti 9, Severini, Piccin, Ronca ne, Fotu 4. All. Menetti

Parziali: 10-27; 33-38; 40-53 Arbitri: Martolini, Bongiorni e Boninsegna