Delegazione Uefa a Trieste, Site Visit 2 al "Rocco": successo in prospettiva UEFA 2019 Under 21

Delegazione Uefa a Trieste, Site Visit 2 al

"Un grandissimo grazie alla Triestina, alle istituzioni e alla città di Trieste. Siamo felicissimi del lavoro fin qui svolto, nonchè curiosi ed entusiasti di vedere il prodotto finito". La chiosa di Peter Nordenström, Senior Event Manager della Uefa , ha messo un ideale punto esclamativo a un'intensa giornata di lavoro vissuta oggi allo Stadio "Rocco", in occasione della seconda Site Visit in vista degli Europei di Calcio UEFA Under 21 dell'estate 2019, competizione che vede Trieste tra le sei sedi designate ad ospitare l'evento.

Al tavolo di lavoro hanno partecipato le delegazioni dell' Uefa , della FIGC e della RAI oltre ai vertici societari della Triestina; l'Assessore allo Sport Giorgio Rossi insieme a dirigenti e tecnici del Comune di Trieste, il Vicario del Questore di Trieste Lucio Pennella, il Capo di Gabinetto della Polizia di Stato Leonardo Boido, Davide Allegri del Politecnico di Milano (team coordinator del progetto di avanzamento lavori messo a punto insieme ad Alessandro Bruscaglioni ed Alessandro Lodigiani), Il coordinatore dei lavori Marco Colautti e Giancarlo Gianni Cicciarella Maugeri in rappresentanza di Telecom.

Ad introdurre la giornata l'Assessore Rossi: "Un ringraziamento va rivolto all' Uefa , alla FIGC, soprattutto alla Triestina per l'efficienza, la disponibilità ed il grande rilancio non solo a livello sportivo dopo tanti anni bui. Pensiero che non posso non rivolgere anche a Questura, forze di Polizia e dirigenti e tecnici del Comune. Euro 2019 rappresenta una grandissima occasione di rilancio per la città - ha spiegato Giorgio Rossi -con l'auspicio di almeno tre risvolti concreti: rafforzare Trieste come punto di riferimento a livello internazionale, mettere in atto investimenti che speriamo vadano di pari passo con i risultati della Triestina nell'anno del centenario e naturalmente, quanto alla nostra Nazionale, che i giovani si facciano onore e possano magari conquistare il titolo europeo, riscattando l'eliminazione dal Mondiale degli Azzurri più grandi".

La Site Visit è iniziata con una presentazione dei lavori ed un rapido riepilogo di quanto svolto nel primo appuntamento risalente allo scorso ottobre.Le delegazioni si sono poi dedicate ad uno scrupoloso tour interno ed esterno allo stadio, volto ad analizzare lo stato di avanzamento dei lavori e tutti gli interventi da apportare in ogni ambito, dando una dimensione e una direzione ancor più precisa rispetto agli standard fissati durante il primo sopralluogo. Dall'organizzazione degli ingressi di squadre, autorità e media alla gestione dell'accreditation center, dalle tematiche inerenti viabilità ed accessi all'impianto alle modifiche da apportare per spettatori e addetti ai lavori, sia verso la grande kermesse del 2019 sia per il futuro del calcio di casa nostra con un comune denominatore come risultato finale: il "Rocco" è destinato nel giro di poco più di un anno a diventare un autentico gioiello capace di 21.166 posti, con standard di livello e modernità assoluti per giocatori, pubblico e media e, non è certo un dettaglio, l'eliminazione delle barriere che separano gli spalti dal terreno di gioco.

I lavori per la sostituzione dei seggiolini partiranno al termine dell'attuale stagione agonistica della Triestina, mentre gli adeguamenti per ciò che riguarda spogliatoi e spazi interni del "Rocco" continueranno ad avanzare anche nell'immediato. Terminato il sopralluogo le delegazioni si sono ritrovate al tavolo tecnico per tracciare un bilancio della Site Visit definendo linee guida e tempistiche, scambiando opinioni e valutazioni, riscontrando unanimi pareri nella soddisfazione per quanto fin qui svolto e per l'identità di vedute in prospettiva futura. Project Leader e Project Coordinator dell' Uefa , Pierre Lienhard e Jenny Fröse, insieme alla Venue Operations Manager Christine Gonzalez, hanno riepilogato risultati, stato di avanzamento dei lavori ed obiettivi futuri dal punto di vista globale dello stadio. Sami Terava, responsabile Media Operations dell'UEFA inseme a Peter Noble e Massimiliano Filippi, ha riepilogato il lavoro svolto e quello ancora da svolgere sul fronte degli spazi e degli strumenti a disposizione della stampa e di tutti i media in generale. Marios Georgiu - Commercial Operations - ha definito le modifiche da apportare a livello di spazi pubblicitari e recinto di gioco in vista dell'appuntamento europeo, oltre a tracciare la strada da percorrere per fan zone e spazio commerciale all'esterno del "Rocco" durante gli Europei Under 21. Claudio Negroni e David Balmer, Senior Football Manager e Team Services Manager, hanno espresso grandissima soddisfazione per l'ammodernamento del primo spogliatoio, definendo le linee guida per il secondo senza nascondere viva curiosità nell'attesa di vedere il risultato a lavori ultimati.

Infine, prima del ringraziamento a tutti i partecipanti da parte dell'Assessore Giorgio Rossi - "Faremo fare bella figura a Uefa , FIGC e città di Trieste" -è arrivato il bilancio conclusivo di Peter Nordenström, Senior Event Manager della UEFA: "Un anno e mezzo fa Trieste non aveva ancora la conferma quale sede degli Europei Under 21, ma già all'epoca l'incontro con Triestina ed istituzioni aveva destato in tutti noi grande entusiasmo, pienamente convinti dal progetto relativo al "Rocco", una sorta di gigante dormiente troppo bello ed allettante per non essere risvegliato. Da quella data - ha proseguito Peter Nordenström - tanto lavoro è stato fatto e come Uefa ne siamo soddisfatissimi. Siamo consapevoli che molto lavoro è ancora da fare ma visto l'avanzamento del progetto, siamo oltremodo curiosi ed entusiasti di vedere il prodotto finito, con l'auspicio che possa rappresentare un grande rilancio non solo per la città di Trieste, ma anche per le sorti della Triestina alla quale non possiamo che augurare un futuro glorioso e ricco di successi".

Appuntamento ad ottobre 2018 con la Site Visit 3, ulteriore fondamentale step per valutare e definire i lavori che trasformeranno in poco più di un anno il "Rocco" in un autentico gioiello a misura dei top standard del calcio internazionale.