Porro invia una lettera all'Archimandrita di Trieste: «Solidarietà per sanzioni ricevute a Pasqua»

Porro invia una lettera all'Archimandrita di Trieste: «Solidarietà per sanzioni ricevute a Pasqua»

Pubblichiamo la lettera che il consigliere comunale Salvatore Porro ha inviato a  Eccellenza Reverendissima, Archimandrita Gregorios Miliaris IV° Vicariato Arcivescovile sede di Trieste

Eccellenza,

come cattolico e politico le esprimo la mia totale solidarietà a Lei, al padre Eusepio  e a tutta la comunità rumena di Trieste, per essere stata multata per aver partecipato alla celebrazione per la risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo, e per ricevere dalla mani sante di Voi santi sacerdoti  la candela benedetta per portasela alle loro case come fonte di benedizione e protezione per tutta la famiglia.

Dopo 2000 anni è stata la prima volta nella storia del Cristianesimo che la Santa Pasqua, per tutti i fedeli del Mondo non è stata celebrata nelle nostre Chiese, è stata una sofferenza indimenticabile che verrà ricordata nei secoli avvenire.

Per noi Cristiani, cattolici e ortodossi,  la Santa Pasqua è la festività più importante della nostra religione,  perché è il giorno in cui si festeggia la resurrezione di Gesù. La Pasqua rappresenta pertanto un giorno di festa e di speranza di salvezza, il trionfo della luce sulle tenebre e della vita sulla morte.

Voi ortodossi,  salutate i fedeli con “Cristo è risorto” e l’altro risponde è veramente risorto!”.

Noi cattolici, ci salutiamo con: “Alleluia, alleluia “Cristo è risorto”.

Nel rinnovarLe la mia solidarietà, Vi saluto con un pensiero di papa Benedetto XVI Siate anche voi simili alle lampade! Fate brillare la vostra luce nella nostra società, nella politica, nel mondo dell’ economia, nel mondo della cultura e della ricerca. Anche se è solo un piccolo lume in mezzo a tanti fuochi fatui, esso tuttavia riceve la sua forza e il suo splendore dalla Grande Stella del mattino, il Cristo Risorto, la cui luce brilla, vuole brillare attraverso noi, e non tramonterà mai”

Eccellenza ricordiamoci le parole di Gesù: “Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!».

E quelle della Madonna (la Gospa) a Fatima, nel luglio 1917, ci ha lasciato una grandiosa e consolante promessa confermata a più riprese con termini ed espressioni analoghi nelle più recenti apparizioni: «Alla fine il Mio Cuore Immacolato trionferà».

Onore e Gloria a Cristo Re!

Cav. Salvatore Porro