"Piazza B. Pahor", parzialmente svelato il mistero dei cartelli bilingui

"Piazza B. Pahor", parzialmente svelato il mistero dei cartelli bilingui

Pubblichiamo da Unione degli Istriani

Dopo le numerose segnalazioni di domenica sui numerosi cartelli bilingui comparsi in piazza G. Oberdan a Trieste con la scritta in italiano “PIAZZA B. PAHOR”, il mistero è stato parzialmente svelato.
 
La frase bilingue (sloveno/tedesco) "se noi Sloveni saremo ancora Sloveni e uniti tra di noi, saremo poi fieri europei e degni cittadini del mondo", era stata pronunciata a Lubiana dallo scrittore Boris Pahor il 6 aprile 2017, in occasione della cerimonia di scoprimento del grande monumento (foto), a lui dedicato nel parco Tivoli della capitale slovena, opera dello scultore Mirsad Begić.
 
Quindi ora è chiaro che i cartelli si riferiscono a Boris e non a Borut Pahor, mentre rimane ancora “ignoto” l’autore del gesto.