Blitz Casapound, Articolo Uno: «No a riorganizzazione Partito Fascista»

Blitz Casapound, Articolo Uno: «No a riorganizzazione Partito Fascista»

Pubblichiamo da Articolo UNO - Trieste

Stamane i lavori della VI commissione in Consiglio regionale, riunita per discutere del fenomeno migratorio, sono stati interrotti dall’irruzione di alcuni elementi di estrema destra, militanti di Casa Pound.

Ancora più grave è l’atteggiamento del consigliere di maggioranza Calligaris che spalleggia idee estremamente violente ed ignoranti del reale dramma umanitario in corso.

Articolo UNO stigmatizza - come ormai da troppo tempo non si dia seguito ai dettami costituzionali che vietano la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del partito fascista - come nel difficile periodo che stiamo vivendo sia possibile una così facile incursione di facinorosi nel cuore delle istituzioni (fin dentro l’aula del consiglio regionale)

Articolo UNO teme che questo episodio non sia assolutamente casuale, ma che faccia parte di una strategia per un progressivo sdoganamento di atteggiamenti violenti, razzisti e prevaricatori. Il consigliere Calligaris deve prendere atto della sua incapacità di servire con disciplina e onore la causa pubblica e deve immediatamente rassegnare le proprie dimissioni

LEGGI ANCHE
 

Blitz Casapound, Articolo Uno: «No a riorganizzazione Partito Fascista»

----------------

CGIL durissima: «Da Casapound  atti violenti e intimidatori, condanna senza appello»

----------------

Frasi choc Calligaris, Italia Viva: «Lega prenda le distanze»

----------------

Serracchiani: «Tremendo chi chiede squadroni della morte per migranti»

----------------

ICS infuriata: «Da Lega Nord incredibile livello di violenza politica e ideologica, magistratura intervenga»

----------------

Consiglio Regionale, Calligaris-shock: «Sparerei tranquillamente ai migranti»

----------------

Casapound, incursione in Consiglio regionale: 'Azione pacifica, stufi di sole parole su Rotta Balcanica' 

----------------

Capo Protezione Civile Grado, «Forni crematori per sedare rivolte dei migranti». Arriva la sospensione