Detenzione, trasporto e spaccio di droga a Trieste: arrestata coppia

Detenzione, trasporto e spaccio di droga a Trieste: arrestata coppia

Lo scorso 24 maggio, a conclusione di articolate indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Trieste e svolte dalla Squadra Mobile della Questura, era stato tratto in arresto nella città di Roma N. B., cittadino nigeriano ritenuto responsabile di traffico di sostanze stupefacenti del tipo marijuana, avendo curato la spedizione di partite di droga dalla capitale a diverse città del centro e nord Italia. Nel contesto investigativo erano stati sequestrati circa 205 chilogrammi di droga ed arrestate in flagranza di reato 13 persone. A tale risultato si è giunti operando una serie di servizi contro il traffico e lo spaccio di droga a Trieste posto in essere da parte di una serie di soggetti stranieri, dimoranti nel capoluogo giuliano. In tale contesto, nel pomeriggio di sabato 15 giugno 2019, a Trieste, gli investigatori della Squadra Mobile hanno tratto in arresto una coppia di cittadini nigeriani destinatari di un provvedimento di revoca di ritardati arresti emesso dalla Procura della Repubblica, poiché indagati in concorso per i delitti di detenzione, trasporto e spaccio di sostanze stupefacenti. I due, C. G. del 1989 e C. M. del 1982, si sono occupati sia dell’approvvigionamento della droga in alcune città del Veneto che del successivo trasporto in questo capoluogo. Già alla fine del 2018, dal monitoraggio delle zone di spaccio a Trieste, è stato possibile notare C. M. intrattenersi con soggetti indagati dediti allo smercio di droga. Gli approfondimenti investigativi, supportati da attività tecnica, hanno poi consentito di operare un primo sequestro lo scorso mese di gennaio, quando, a seguito di alcuni servizi di appostamento presso l’abitazione dei due sita in questa via Fabio Severo, gli agenti della Squadra Mobile fermavano una acquirente che aveva poco prima comprato dalla C. G. circa 8 grammi di marijuana. Nel prosieguo, ulteriori sequestri di droga hanno confermato come la coppia provvedesse a reperire modici quantitativi di narcotico in Veneto, ed in particolare nella città di Padova, utili a soddisfare le loro necessità. Anche nel mese di febbraio si poteva effettuare un altro sequestro a carico del C. M., fermato nei pressi della stazione ferroviaria – di ritorno dalla città di Padova – con una borsa contenente oltre 200 grammi di marijuana. Ancora, nel mese di marzo sono stati sequestrati oltre 200 grammi di droga a carico della compagna C. G., appena giunta a Trieste, e, nel mese di aprile oltre 130 grammi delle medesima sostanza trasportata dal C. M. Infine, nei primi giorni del maggio scorso, altri 125 grammi circa sono stati sequestrati alla C. G. appena giunta a Trieste.

Tale modus operandi, col trasporto di modiche quantità di stupefacente, faceva ritenere agli indagati di correre un rischio minore in ordine alla possibilità di eludere eventuali controlli da parte delle forze dell’ordine. Nell’ultimo periodo, C. M. si era trasferito a Padova, mentre la donna era rimasta a Trieste, in attesa di raggiungere il compagno. Entrambi rintracciati in questo centro nel pomeriggio di sabato 15 giugno, sono stati tratti in arresto e ristretti in carcere a disposizione della Procura della Repubblica di Trieste.