Agenti uccisi, nella sparatoria usate almeno 5 pistole

Agenti uccisi, nella sparatoria usate almeno 5 pistole

Sarebbero almeno 5, se non 6 le pistole usate nel corso della sparatoria di venerdì scorso all'interno della Questura di Trieste, in cui sono rimasti uccisi i due agenti  Pierluigi Rotta e Matteo Demenego. Lo riferisce Adnkronos, riferendosi a fonti interne. Il killer ha utilizzato due semi-automatiche, sottratte ai due agenti. Un poliziotto del corpo di guardia nell'atrio della Questura avrebbe invece utilizzato una beretta, mentre altre 2 o 3 dagli agenti della Mobilie successivamente intervenuti. Da una di queste pistole è poi partito il colpo che ha ferito Alejandro Augusto Stephan Meran, da ieri al Coroneo. Il killer ha sparato tutti i colpi disponibili dalle pistole dei due agenti. I primi colpi nell'ufficio volanti, altri nell'atrio, avvicinandosi all'uscita della Questura. Qua uno dei colpi ha raggiunto un poliziotto nel gabbiotto di guardia, ferendolo alla mano (ormai guarito), in totale sono stati sparati dal killer una ventina di colpo.

CORDOGLIO DEL MONDO DELLO SPORT

IL KILLER VOLEVA UCCIDERE IL FRATELLO?

IL POST D'ADDIO DELLA FIDANZATA DELL'AGENTE

IL KILLER TRASFERITO AL CORONEO

FOLLA OCEANICA PER L'ULTIMO SALUTO

MATTEO SALVINI IN QUESTURA

MATTEO SALVINI CONTRO CHEF RUBIO

OMAGGIO DELLA POLIZIA ALBANESE

SCRITTA SHOCK A MODENA

COMMOVENTE VIDEO DEI DUE AGENTI UCCISI

L'OMELIA DEL VESCOVO

SCRITTA SHOCK ALL'ESTERNO DELLA QUESTURA

UN MIGLIAIA ALLA FIACCOLATA

FOLLA ALLA MESSA

L'EPISODIO

I DUE AGENTI MORTI

FERMATI DUE DOMENICANI

IL FURTO DELLO SCOOTER

SABATO LUTTO CITTADINO

L'AUDIO DELLA POLIZIOTTA

IL CORDOGLIO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA MATTARELLA

IL CORDOGLIO DEL PREMIER GIUSEPPE CONTE

IL CORDOGLIO DI MATTEO SALVINI

IL CORDOGLIO DI MASSIMILIANO FEDRIGA

Il CORDOGLIO DI LUIGI DI MAIO

IL CORDOGLIO DI DEBORA SERRACCHIANI

IL CORDOGLIO DI MITJA GIALUZ

IL CORDOGLIO DELL'ASSESSORE LORENZO GIORGI

IL CORDOGLIO DELLA CARITAS

IL CORDOGLIO DELL'UNIVERSITÀ DI TRIESTE

IL RICORDO DEI COLLEGHI ALL'ALTARE DELLA PATRIA