Il Comandante della Capitaneria lascia Trieste, il Sindaco lo saluta con affetto e simpatia

Il Comandante della Capitaneria lascia Trieste, il Sindaco lo saluta con affetto e simpatia

Cordiale incontro di commiato questo pomeriggio (lunedì 1 giugno) nel salotto azzurro del Comune di Trieste dove il sindaco Roberto Dipiazza ha ricevuto il direttore marittimo del Friuli Venezia Giulia e comandante della Capitaneria di Porto di Trieste Luca Sancilio che, dopo quattro anni, lascia la nostra città per nuovi importanti incarichi allo Stato Maggiore di Roma.

Consegnando al direttore marittimo Sancilio lo stemma ufficiale della Città di Trieste, il sindaco Dipiazza ha voluto sottolineare “la grande simpatia e capacità di un comandante che ha operato con intelligenza e lungimiranza, sapendo trovare sempre le soluzioni migliori per la città e per tutta la sua più ampia comunità territoriale”. “Abbiamo passato 4 anni meravigliosi: per te e per la tua famiglia la mia porta resterà sempre aperta”.

“Io, che ancora in fasce sentivo la Campana di San Giusto, l’Inno di Mameli e la “Leggenda del Piave -ha detto con commozione il comandante Sancilio- devo dire grazie a te, a Trieste e a questa regione per avermi accolto con grande ospitalità, facendomi diventare un po' triestino”. Il comandate Sancilio ha quindi consegnato al sindaco Dipiazza il crest ufficiale, particolarmente gradito al primo cittadino che ha ricordato infine un aneddoto: nel 1973, 47 anni fa, allora giovane ventenne lagunare, mi trovavo in servizio a Bracciano e per la Festa della Repubblica ho sfilato lungo i Fori imperiali a Roma”.