«Tram fermo da agosto 2016, a Trieste “no se pol” di moda»

«Tram fermo da agosto 2016, a Trieste “no se pol” di moda»

«Il Tram di Opicina è fermo da agosto 2016. A settembre 2018 il Sindaco Dipiazza promette che il tram ripartirà in pochi mesi.
A dicembre 2018 annuncia che entro la primavera 2019 sarà nuovamente in funzione; a giugno 2019 l’annuncio che il progetto dei lavori sarà pronto entro luglio». Lo sottolinea il consigliere regionale del Pd Francesco Russo.

«Oggi - ancora - , 25 gennaio 2020 si scopre che la gara per la sostituzione dei binari va rifatta perché l’impresa che si è aggiudicata i lavori non ha le carte in regola: ci vorrà almeno un altro anno. Sarebbe troppo facile, in questi giorni, fare il paragone con la Cina e con l’ospedale che stanno costruendo in 10 giorni. Ma non serve andare così lontano: a Genova il Sindaco Bucci (anche lui di centrodestra) ha dichiarato che entro l'estate il nuovo ponte Morandi sarà in funzione. Meno di due anni dopo il crollo».

«A - conclude - dimostrazione che, in Italia le cose si possono fare. A Trieste, invece, purtroppo, il “no se pol” sembra essere tornato di moda».