Europei Under 21 a Trieste, il ricchissimo calendario di eventi collaterali in città

Europei Under 21 a Trieste, il ricchissimo calendario di eventi collaterali in città

Finalmente siamo arrivati. È stato un lungo e impegnativo viaggio, iniziato quasi tre anni fa, che abbiamo percorso con fatica e determinazione per arrivare proprio qua. E qua significa che tra pochi giorni potremo sederci in uno Stadio rinnovato, moderno, funzionale e accogliente, e godere della visione delle partite dei Campionati Europei di calcio Under 21, che il nostro paese e la nostra città - assieme a Udine, Bologna, Reggio Emilia, Cesena e San Marino - ospitano per la prima volta. E mentre Austria, Danimarca, Germania e Serbia si sfideranno allo Stadio Rocco, tutto il centro cittadino si vestirà dell'azzurro dei Campionati e dei colori delle nazioni partecipanti e si animerà nel segno dello slogan #WeareEurope con momenti musicali, sportivi e d'intrattenimento, che faranno da allegra cornice alla manifestazione. Un ringraziamento particolare va alla FIGC - Federazione Italiana Gioco Calcio e alla UEFA - Union of European Football Associations per la fiducia accordataci, che riteniamo di aver ampiamente dimostrato di meritare, e che auspichiamo sia il propulsore affinché Trieste possa accogliere nel prossimo futuro eventi calcistici di ancora maggior prestigio.

STADIO NEREO ROCCO Al fine di ospitare i Campionati Europei di Calcio Under 21 lo Stadio Nero Rocco è stato oggetto di importanti lavori di riqualificazione, con numerosi interventi quali la ristrutturazione degli spogliatoi e della sala stampa, il rifacimento del campo, la completa sostituzione dei seggiolini, lo spostamento delle panchine nelle prime file della tribuna, l'eliminazione delle reti tra spalti e il campo e l'abbattimento delle barriere. Dal 17 al 23 giugno ospiterà tre partite del girone B dei Campionati che vedranno contrapposte le nazionali di Austria, Danimarca, Germania e Serbia. Calendario delle partite 17 giugno ore 18.30 Serbia – Austria 20 giugno ore 21.00 Germania – Serbia 23 giugno ore 21.00 Danimarca - Serbia Gli U21 dei Ricreatori allo Stadio Anche i giovanissimi Under 21 dei Ricreatori comunali saranno allo Stadio Rocco – in gruppi organizzati – per assistere alle partite del Girone B dei Campionati Europei. Grazie alla collaborazione tra il Comune di Trieste e la FIGC per il progetto #WeAreEurope UNA CITTÀ VESTITA A FESTA Una città che si veste dei colori del Campionato Europeo di Calcio Under 21 strade, piazze, negozi, musei pronta ad accogliere i tifosi delle partite! Tanti eventi per celebrare l’arrivo di questo importante evento sportivo internazionale: mostre, incontri, film, visite guidate, tour cittadini, manifestazioni collaterali. Per la prima volta in piazza Unità d’Italia verrà allestito un campo da calcio a 5 verrà per ospitare le partite amatoriali e stage per i più piccoli. Negozi, Alberghi e Pubblici Esercizi A giugno le vetrine dei negozi, gli alberghi e gli esercizi pubblici si vestiranno, insieme alla città, con i colori del Campionato, grazie alla collaborazione con ConfCommercio, Fipe e Federalberghi. I mercati porteranno nelle piazze rionali le bandiere con il calendario delle partite del girone B.

MOSTRE Diverse mostre nei musei cittadini ospitano opere dedicate al calcio e allo sport. A cura del Comune di Trieste. I Love Lego La mostra aperta a febbraio da subito ha sostenuto la promozione del torneo: tra i diversi mondi realizzati con migliaia di pezzi del mattoncino più famoso al mondo, in onore dei Campionati Europei UEFA Under 21, si puà trovare nella teca dedicata alla City un diorama dello Stadio Nereo Rocco già vestito per le partite del girone B. Al Salone degli Incanti, fino al 30 giugno, ingresso a pagamento “Ponte di Giochi. Lo sport a bordo” Una selezione di fotografie degli anni Trenta tratta dall'archivio del Lloyd Triestino racconta gli sport e i giochi praticati a bordo delle navi e dei grandi transatlantici. Scatti che mostrano le traversate sulle motonavi “Saturnia” e “Vulcania” tra bagni di sole e passeggiate, con il tempo scandito dalle tante occasioni di svago lungo i ponti e nei saloni. Attività fisica e buona cucina, ambienti eleganti e attrezzate palestre, cortesia e ospitalità: tutti marchi della grande tradizione e dello stile delle compagnie di navigazione italiane. Lo Sport deck e il Sun deck, il Promenade deck su cui si affacciavano le sale da lettura e da scrittura, la sala da tè e quella da fumo, e poi la sala giochi per i bambini, la piscina coperta, la palestra o sala da ginnastica, il bagno turco, fanno da quotidiana cornice allo scorrere delle miglia marine. Dai programmi di viaggio è facile comprendere come la vita a bordo fosse animata da “feste e giuochi sportivi”. Si poteva partecipare a balli, rappresentazioni cinematografiche, concerti, oppure iscriversi a tornei di tiro a segno e al piattello, bridge e altri giochi di carte, golf, tennis - disciplina sostituita in caso di mare mosso dal lancio del cerchio -, ping pong, bowling e birilli, gare di nuoto, fino allo shuffleboard (praticato facendo scivolare con dei lunghi bastoni dei dischi in un'area delimitata e suddivisa per punteggi). Per gli allenamenti di scherma, spesso fatti con un maestro, ci si poteva organizzare tanto all'aperto quanto nelle palestre. Quest'ultime offrivano cyclette, pesi, pungiball, vogatori e cavalli elettrici cui selezionare l'andatura, dal passo, al trotto, al galoppo. L'attenzione per l'equitazione si esprimeva anche attraverso la passione per le corse: sagome di cavalli in corsa erano spostate in avanti da addetti dell'equipaggio, fino a toccare la linea che segnava il traguardo, secondo l'esito del lancio dei dadi. Come nei più rinomati ippodromi, le scommesse non mancavano. Al Museo del Mare/Sezione “Lloyd. Deposito a vista”, Magazzino 26 - Polo museale del Porto Vecchio dal 14 al 30 giugno, ingresso gratuito Ospite d’Onore – “Partita di calcio” di Carlo Carrà In occasione degli imminenti Campionati Europei UEFA Under 21 il Museo Revoltella propone l'esposizione di un dipinto di Carlo Carrà legato al gioco del calcio. Il dipinto “Partita di calcio” (Sintesi di una partita di calcio - Giocatori), olio su tela, 100x69 cm, realizzato da Carlo Carrà nel 1934, firmato e datato: Carlo Carrà 1934 - XIII, proveniente dalle collezioni della Galleria d'Arte Moderna di Roma. L'opera della prestigiosa pinacoteca romana è visitabile nella saletta centrale del V piano della Galleria d'arte moderna, nella sezione dedicata alla pittura italiana del primo Novecento, a diretto confronto con il dipinto Donna al mare, dello stesso artista, di proprietà del Museo Revoltella, acquistata alla Biennale di Venezia del 1932. Al Civico Museo Revoltella, fino al 30 giugno, ingresso a pagamento Camillo Castiglioni e il mito della BMW La mostra racconta la straordinaria vita di Camillo Castiglioni con un particolare approfondimento relativo al periodo in cui, come proprietario della BMW, ne favorì la trasformazione in una fabbrica motociclistica. L’evento è in connessione con la manifestazione FIVA World Motorcycle che rappresenta, per i cultori delle moto d’epoca, il più importante evento dell’anno a livello internazionale Per il 2019 il programma prevede un circuito che attraverserà la Slovenia e la Croazia per giungere a Trieste, in piazza Unità d’Italia, il 29 giugno, giorno d’inaugurazione della mostra, che resterà aperta fino il 21 luglio 2019. Al Palazzo Gopcevic – Sala “Attilio Selva”, dal 29 giugno al 21 luglio Visite guidate gratuite ai musei civici Nei Musei Civici Revoltella e Castello di San Giusto verranno realizzate gratuitamente per i possessori dei biglietti dei Campionati Europei Under 21 visite guidate durante le giornate delle partite di calcio del Girone B a Trieste.

CINEMA 4 appuntamenti dedicati alle pellicole che hanno portato il calcio sul grande schermo. Con ospiti i registi e attori ad introdurre la visione. A cura del Comune di Trieste in collaborazione con La Cappella Underground. Tutti i mercoledì di giugno alle ore 17.30 – Palazzo Gopcevich Sala Bobi Bazlen L’allenatore nel pallone Mercoledì 5 giugno - alla presenza del regista Sergio Martino Oronzo Canà è un mediocre allenatore di calcio pugliese, con diverse esperienze in società di Serie B. Il grande desiderio di Canà è di avere, prima o poi, la possibilità di allenare in Serie A, ed il suo idolo è Nils Liedholm, del quale imita la postura e l’espressione ed ammira la freddezza, la flemma e le capacità tattiche. La grande occasione arriva quando il Commendator Borlotti, presidente della Società Sportiva Longobarda, lo ingaggia per guidare la sua squadra, neopromossa nella massima serie. Titolo stracult del cinema italiano, reso famoso all’epoca e ancora oggi grazie alla partecipazione di numerosi calciatori (Pruzzo, Graziani, Ancelotti, Chierico, Damiani, Zico), allenatori (Liedholm, De Sisti), telecronisti (Martellini, Martino, Maffei, Galeazzi) e per i numerosissimi riferimenti al calcio dell’epoca: Oronzo Canà è ispirato all’allenatore Oronzo Pugliesi, il presidente Bortolotti richiama il presidente del Cesena Edmeo Lugaresi, le follie del calcio mercato, la caccia ai talenti brasiliani (chiari i riferimenti alla squadra di calcio del Catania e all’acquisto dei fantomatici Pedrinho e Luvanor). L’arbitro Mercoledì 12 giugno - alla presenza del regista Paolo Zucca L’Atletico Pabarile, la squadra più scarsa della terza categoria sarda, viene umiliata come ogni anno dal Montecrastu, la squadra guidata da Brai (Alessio di Clemente), arrogante fazendero abituato a vessare i peones dell’Atletico in quanto padrone delle campagne. Il ritorno in paese del giovane emigrato Matzutzi (Jacopo Cullin) rivoluziona gli equilibri del campionato e l’Atletico Pabarile comincia a vincere una partita dopo l’altra, grazie alle prodezze del suo novello fuoriclasse. Le vicende delle due squadre si alternano con l’ascesa professionale di Cruciani (Stefano Accorsi), ambizioso arbitro ai massimi livelli internazionali, nonché con la sottotrama di due cugini calciatori del Montecrastu, coinvolti in una faida legata ai codici arcaici della pastorizia. Mentre Matzutzi riesce a riconquistare Miranda (Geppi Cucciari), l’amore della sua infanzia, l’arbitro europeo Cruciani si lascia coinvolgere in una vicenda di corruzione che lo porterà in un attimo dalle stelle alle stalle: viene infatti colto in flagrante ed esiliato per punizione negli inferi della terza categoria sarda. L’uomo in più Mercoledì 19 giugno - presentazione a cura di Lorenzo Acquaviva Due uomini dallo stesso nome, Tony e Antonio Pisapia, rispettivamente cantante di musica leggera e calciatore di serie A, hanno caratteri opposti ma nel 1980 sono baciati entrambi dalla fortuna e dal successo, anche se il destino ha riservato loro una brusca inversione di rotta. Tony viene accusato di molestie sessuali, Antonio si frattura un ginocchio. Quattro anni dopo, nel 1984, le luci di Tony e Antonio sono fioche ed intermittenti. Un giorno Tony e Antonio si incontrano, si guardano a lungo senza proferire parola. Capiscono di aver condiviso un pezzo di vita. La loro reazione ad un destino avverso sarà opposta: la resa dell’uno servirà al riscatto dell’altro. Film liberamente ispirato alle storie personali del cantante Franco Califano e del calciatore della Roma Agostino Di Bartolomei. Il Molosso, l’allenatore interpretato da Nello Mascia, è ispirato al “Petisso” Bruno Pesaola, allenatore del Napoli, della Fiorentina e del Bologna negli anni ‘60 e ‘70., e ad Ezio Glerean, rivoluzionario allenatore del Cittadella, ideatore dello schema a quattro punte con “l’uomo in più” del titolo. Il mundial dimenticato Mercoledì 26 giugno - alla presenza del regista Loreno Garzella “Il Mondiale del 1942 non figura in nessun libro di storia ma si giocò nella Patagonia argentina.” (Osvaldo Soriano. Pensare con i piedi. 1995) Il film ricostruisce le fantomatiche vicende dei Mondiali di Calcio di Patagonia 1942, mai riconosciuti dagli organi ufficiali dello sport e rimasti per decenni avvolti nella leggenda senza che se ne conoscesse il vincitore. Il campionato fu organizzato grazie all’accanito impegno del Conte Vladimir Otz, stravagante mecenate illuminista di origini balcaniche, emigrato in Argentina negli anni ‘30, appassionato di calcio e faraonico collezionista, Ministro del IV Re di Patagonia in esilio a Parigi e sedicente amico personale del fondatore della Fifa Jules Rimet. Dal racconto emerge un caleidoscopio di vicende in cui la memoria si fa leggenda. Temi universali e intrecci sentimentali da rotocalco. Grandi valori dello sport e mitologie infantili. L’anima invincibile del calcio romantico si fa beffe dello sport ufficiale asservito alla propaganda dei regimi nazifascisti del primo Novecento, e consuma la sua scanzonata vendetta sul calcio mercificato degli anni duemila.

TOUR CITTADINI DEDICATI Previsti dal 15 al 23 giugno EURO U21 City Walking Tour Ogni giorno, dal 15 al 23 giugno, con partenza alle ore 10.30 davanti al campo da calcio allestito in piazza Unità d’Italia si potrà partecipare gratuitamente alla visita guidata del centro cittadino. Il fischio d’inizio segnerà la partenza del tour che avrà una durata di 90’. Disponibile nelle lingue: italiano / inglese - italiano / serbo - italiano / tedesco Gratuito, con prelazione per i possessori dei biglietti delle partite del Girone B Trieste Hoptour per EURO U21 Trieste HopTour è il nuovo servizio di trasporto turistico HopOn - HopOff della città di Trieste svolto in collaborazione tra Yestour e Trieste Trasporti. Con i nostri nuovissimi e comodissimi bus si potranno scoprire i luoghi di interesse e le attrazioni della città. Le audioguide sincronizzate con il percorso forniranno informazioni e curiosità. Il tour parte dalle Rive, al Molo Audace, di fronte a Piazza Unità e dopo aver raggiunto il colle di San Giusto arriva fino al meraviglioso Castello e Parco di Miramare. Gratuito per i possessori dei biglietti delle partite del Girone B L’offerta di PromoTurismo FVG PromoTurismo FVG ha confezionato, insieme al Comune di Trieste e al Comune di Udine, speciali offerte turistiche per i tifosi possessori dei biglietti delle partite del girone B, al fine di far loro scoprire il patrimonio turistico regionale. Il titolare del biglietto della partita avrà la possibilità di ritirare, negli infopoint di PromoTurismoFvg di Trieste e di Udine, o nelle strutture ricettive aderenti all’iniziativa, un voucher tramite il quale i tifosi potranno usufruire gratuitamente insieme a un accompagnatore di diversi servizi turistici per scoprire il patrimonio che lo circonda. Potrà accedere ai principali musei privati e civici delle due città, partecipare alle visite guidate di Trieste, oppure noleggiare le audioguide e addentrarsi autonomamente per le vie delle due città simbolo della regione.

MANIFESTAZIONI COLLATERALI Boramata 2019 – Follie di vento nella città della Bora Torna In piazza Ponterosso la quinta edizione dell’evento dedicato alla Bora che quest’anno porta il vento del calcio, e non solo: un’installazione di palloni da calcio volanti e angolo promo per la distribuzione del materiale ufficiale EURO U21 Inaugurazione del primo totem dedicato all’Italia giovedì 6 giugno! La manifestazione è curata da Rino Lombardi (Associazione Museo della Bora) e da Prandicom. In piazza Ponterosso dal 6 al 9 giugno, ingresso gratuito Le girandole di Boramata La festa del Museo della Bora dedicato al famoso vento di Trieste riempirà nuovamente Piazza Unità con le famose girandole. Quest’anno saranno dedicate interamente agli Euro U21 con i colori delle nazioni che si sfideranno a Trieste per il girone B: Germania, Austria, Serbia e Danimarca. Le girandole saranno 400 e saranno protagoniste anche della tradizionale asta pubblica, in programma domenica 9 giugno alle ore 11.00 in piazza Ponterosso il cui ricavato sarò donato all’associazione Oltre quella sedia. In piazza Unitì d’Italia sabato 8 e domenica 9 giugno Bloomsday - Una Festa per Joyce Ritorna la festa in onore dello scrittore irlandese James Joyce – che fra il 1904 e il 1920 fu a lungo ospite di Trieste – e del suo indimenticabile personaggio Leopold Bloom, protagonista del romanzo Ulisse. Anche quest’anno, come a Dublino, New York, Pola, Melbourne, Shanghai, Mosca, Parigi, Londra, Montreal, Sao Paulo, San Francisco, e in centinaia di altri centri piccoli e grandi nel mondo. Organizzato dal Comune di Trieste - Assessorato alla Cultura / Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di Studi Umanistici / Museo Joyce Museum L'amichevole! Unione Italo-Svevo vs James Joyce Team Incontro di calcio a squadre In occasione dei Campionati Europei di calcio Under 21 sul campo sintetico allestito nella piazza principale della città, si sfideranno, in un derby del tutto inedito due squadre di alto lignaggio con stili di gioco assai diversi: apparentemente inetta e fumosa ma spesso ficcante e opportunista l'Unione Italo-Svevo, allenata da Ettore Schmitz e capitanata dal centravanti Zeno Cosini, fluido, potente ma spesso barocco e divagante il team agli ordini dell'oriundo irlandese James Joyce, guidato dall'imprevedibile capitano Leopold Bloom. Giovedì 13 giugno ore 19.00 in piazza Unità d’Italia Ritratto dell'artista under 21 Ancora una celebrazione un excursus di Nicolò Giraldi fra letteratura, sport, arte, giovinezza e talento. Col pallone al piede, naturalmente. In occasione dei Campionati Europei di calcio Under 21. In piazza Cavana venerdì 14 e sabato 15 giugno alle ore 16.00 Centenario fondazione della sezione provinciale Bersaglieri M.O.V.M. E. Toti In occasione delle celebrazioni per il centenario della fondazione della sezione di Trieste, previste in piazza Unità d’Italia il 15 giugno, verranno collegate ai Campionati Europei di Calcio Under 21 con un programma musicale della Fanfara Militare dedicato anche alle nazioni partecipanti alla competizione. Verranno suonati gli Inni d'Italia, dell’Unione Europea, dell’Austria, della Danimarca, della Germania, della Serbia. In piazza Unità d’Italia il 15 giugno Truck EURO U21 Girone B Arriva anche a Trieste, dal 16 al 20 giugno, il Road Show organizzato per promuovere le partite del Girone B degli Europei di Calcio. In collaborazione tra il Comune di Trieste, il Comune di Udine e Promoturismo FVG.

ATTIVITÀ ANIMAZIONE 12 NAZIONI In onore delle 12 nazioni che partecipano al Campionato Europeo di Calcio Under 21 la città di Trieste, a partire dal 6 giugno allestirà in 12 punti della città 12 totem ciascuno riportante la bandiera di una delle nazioni sfidanti. Uno dei lati riporta il calendario generale del campionato e ogni giorno verrà aggiornato con il risultato delle partite per seguire fino alla finale del 30 giugno le nazionali coinvolte. Questi punti informativi si trasformeranno più volte al giorno per raccontare lo spirito che porta questa competizione: il rispetto per gli sfidanti grazie al progetto #WeAreEurope Quotidianamente verranno suonati dal vivo dai musicisti Irena Cristin e Tommaso Bisiak, l’inno Europeo e gli inni delle 12 nazioni, grazie alla collaborazione con la Casa della Musica. Nelle giornate delle partite del Girone B vedranno le musiche popolari delle nazioni Austria, Germania, Danimarica e Serbia allietare i totem dedicati alle 4 nazioni. Europe Direct del Comune di Trieste organizza diversi appuntamenti, durante la settimana dal 10 al 16 giugno, per proponendo dei quiz sulle 12 nazioni e raccontare curiosità dei diversi paesi europei coinvolti. Laboratori per bambini a cura di Annalisa Metus per raccontare e giocare sui simboli del calcio, scoprendo i colori delle bandiere delle 4 nazioni del Girone B. Il comparto scientifico di Trieste creerà uno Science Corner in piazza Hortis per appuntamenti quotidiani in cui il calcio e la scienza troveranno diversi punto d’incontro. Nelle giornate del 17, 20 e 23 giugno in cui si terranno le partite del girone B a Trieste, saranno presenti a Trieste i componenti della Fast Foot Crew: una squadra professionistica di football freestyle nata a Roma nel 2010 e composta dai migliori performer in Italia. Creeranno degli show di Calcio Freestyler in attesa delle sfide serali. Tutti i giorni dal 9 al 23 giugno con orari 11.00 – 13.00 -17.00 – 19.00 Europe Direct Trieste Il Centro di informazione europea Europe Direct Trieste è gestito dal Comune di Trieste, in convenzione con la Direzione Generale Comunicazione della Commissione europea. Il Centro funge da intermediario tra l’Unione europea ed i cittadini a livello locale. L’ufficio fa parte di una rete di 44 centri in Italia e 434 nell’Unione europea. L’ obiettivo è quello di diffondere l’informazione comunitaria ed avvicinare i cittadini alle tematiche europee per renderli maggiormente attivi e protagonisti del futuro della propria Europa. L’EDIC Trieste si impegna a portare avanti tale obiettivo attraverso seminari, workshop, conferenza pubbliche e nelle scuole, presenza presso le fiere e gli eventi più grandi che si realizzano in Regione. Fin dagli albori il nostro Centro lavora con il Programma Erasmus+, il programma europeo pensato appositamente per i giovani e adulti. Irena Cristin Violoncellista, ha compiuto gli studi con il M°Nereo Gasperini e si è diplomata presso il Conservatorio “C.Pollini” di Padova nel 1987. Successivamente si è dedicata al perfezionamento del repertorio violoncellistico e approfondimenti sulla didattica con il prof. Tobias Kuhne (Musikhochschule di Vienna ), Misha Maisky (Accademia Chigiana di Siena), il M° Menahem Meir e Pat Legg. Ha conseguito gratificanti riconoscimenti a numerosi concorsi, tra i quali il Primo premio e il Premio assoluto “Franz Schubert” Città di Moncalieri ( 1989) in duo con il pianista Alessandro Arbo e il Primo premio assoluto “Città di Genova” (1990) con il quartetto “Joyce” di Trieste ( pf., archi). Nel 2003 ha conseguito il “Diploma pedagogico d’educazione musicale Willems “per l’educazione musicale dei bambini in età pre-scolare (CRDM di Udine e AIEM Willems Lyon France) e nel 2009 il “Diploma di abilitazione all’insegnamento dell’educazione musicale nella Scuola secondaria di primo e secondo grado” (SSIS- Università degli Studi di Trieste). Ha collaborato a progetto con la Scuola per l’Infanzia e in qualità di docente della classe di Violoncello con il Liceo Musicale del “ISIS – G.Carducci” di Trieste. Dal 1992 suona nell’orchestra della Fondazione Teatro Lirico “G.Verdi” di Trieste; nel 2011 con alcuni musicisti della Fondazione ha promosso il progetto “Mettiamoci all’opera!” per la conoscenza dell’opera lirica nella scuola Primaria. Tommaso Bisiak si è diplomato con il massimo dei voti e la lode nella classe di Luisa Sello, presso il conservatorio “G. Tartini” di Trieste, dove ha avuto modo di seguire le masterclass di Nils-Thilo Kremer, Manuel Guerrero, Rainer Bishof, Jean-Pierre Armengaud, Cristiano Rossi, Federico Agostini, e di Hans-Georg Schmeiser (Wiener Volksoper), da cui ha ricevuto attestazioni di merito, e presso la cui classe ha frequentato l'Universität für Musik und darstellende Kunst (Hochschule) di Vienna. Presso lo stesso conservatorio “G. Tartini” ha successivamente completato – sempre col massimo dei voti e la lode – il biennio specialistico ad indirizzo interpretativo nella classe di Giorgio di Giorgi. Ha partecipato in qualità di effettivo alla "Europäische Flötenakademie" a Fiss in Tirolo, sotto la guida di alcuni tra i principali protagonisti della scena flautistica europea contemporanea: Benoit Fromanger, Hans-Georg Schmeiser, Philippe Boucly, Jan Ostry, Vicens Prats, Anais Benoit, Natalie Rozat ed Hervè Hotier. Grazie al sostegno della Fondazione Filantropica Ananian si è perfezionato a Parigi con Pierre-Yves Artaud presso l'Ecole Normale de Musique de Paris “Alfred Cortot”, dove – tra il 2009 ed il 2013 – ha conseguito il Diplôme d'Execution, il Diplôme Supérieur d'Execution ed il Diplôme Supérieur d'Enseignement à l'Unanimitè du Jury. Svolge un'attività eclettica che lo ha portato ad esibirsi su entrambe le sponde dell'oceano Atlantico, frequentando sia il repertorio classico che quello contemporaneo, tanto come solista quanto in formazioni cameristiche. Ha suonato in numerose occasioni per la sede regionale RAI di Trieste, sia come solista sia in duo con la pianista Aurora Sabia, ricoperto il ruolo di primo flauto, presso l'Orchestra del Luglio Musicale Trapanese, e lavorato come turnista presso gli studi della Lademoto Records: in tale contesto ha partecipato agli ultimi quattro lavori discografici di Al Castellana. Nell'agosto 2013 ha preso parte alla tournée americana dell'Orchestre de Flutes Français – compagine che riunisce alcuni tra i migliori flautisti attivi sulla scena di Parigi – realizzando le prime assolute di lavori di Alain Moëne, Ida Heidel, Sophie Lacaze ed Alain Bancquart. A. Ghavidel, P. Longo, Z. Nagy, M. Sofianopulo, B. Pradal e R. Brisotto gli hanno dedicato i loro lavori; oltre a questo ha eseguito più di 50 prime assolute per compositori di rilevanza internazionale tra cui T. Tachiki, Chun-Hay Shing, B. Horvath, K. Keyhani, A. Bofill-Levi, J. Duràn-Loriga, G. Bosco, M. Ferrari, C. Rebora, P. Longo, Z. Nagy, P. Perezzani, E. Alandia, A. Costantini, K. Laanes, M. Cardi, M. Escolona-Mijares, A. Vilagi, M. Zavala, F. Fanticini, S. Procaccioli, A. Giacometti, D. Pitis, F. De Rossi Re, G. Colombo-Taccani, M. Korvits ed altri. Ha inciso in prima mondiale "Hejrani" per flauto e pianoforte del compositore persiano Karen Keyhani; il brano è inserito nell'album "Garden of Leaflessness" uscito nel giugno 2017 per il Mahoor Institut for Culture and Art ed è stato insignito nel gennaio 2018 del Barbad Award come miglior album nella categoria "Classical Music Composition", massimo riconoscimento in ambito discografico nel paese persiano. Sempre in prima mondiale ha inciso "Ricercar dell'Affinità" per flauto solo del compositore croato-americano Zvonimir Nagy; il brano è uscito nel gennaio 2018 per l'etichetta statunitense Albany Records. Dal 2013 è tutor della sezione fiati della European Spirit of Youth Orchestra diretta da Igor Coretti-Kuret, orchestra giovanile di eccellenza formata dai migliori giovani talenti dell'Europa centro-orientale. Collabora da sempre BandOrkestra.55 diretta dal sassofonista veneziano Marco Castelli con cui ha partecipato a numerosi festivals internazionali (TriesteLovesJazz, UbiJazz, Marghera Village, Etnorock Festival, Mestre Film Festival, etc.), ed ha pubblicato quattro CD: "BandaLarga" (Extraurbania/Blueserge 2005) con la collaborazione di Pietro Tonolo e Markus Stockhausen, "Bandando" (CNI Music 2009) con la partecipazione di Ermanno Signorelli, Angelo Comisso, Germana Giannini, David Boato, Alessandro Simonetto, Fabio Koryu Calabrò e Sergio Cossu, e "Scorribanda" (CNI Music 2012) con la partecipazione di Pietro Tonolo ed Alessandro Simonetto, e “Best Seller” (CNI Music 2018), tutti accolti entusiasticamente dalla critica specializzata. È laureato in Filosofia con il massimo dei voti presso l'Università degli Studi di Trieste con una tesi dal titolo Il suono (Klang) nella Filosofia della Natura di Hegel. Annalisa Metus é una paper engineer: il suo lavoro consiste nell’ideare, progettare e produrre manufatti in carta, a volte in piccole serie, spesso pezzi unici. Ha cominciato realizzando libri d’artista e sculture pop-up, continuando poi con allestimenti teatrali, supporti didattici, installazioni interattive, teatrini; organizza regolarmente laboratori creativi per bambini, ragazzi e adulti. Ha studiato architettura a Ferrara e ha due diplomi di conservatorio (Canto e Musica e Nuove Tecnologie). Ha iniziato a fare pagine pop-up proprio in conservatorio scrivendo la tesi su un libro d’artista pop-up sonificato e interattivo. Lavora da dieci anni per il Festival Internazionale di Musica Antica Wunderkammer di cui cura miniW, la programmazione dedicata ai bambini. Ha realizzato laboratori, allestimenti, progetti teatrali e installazioni per Festival di Musica per bambini/ Casa della Musica, miniW/festival Wunderkammer - KIDS LAB, Trieste (17 febbraio/ 18 marzo 2018), Trieste Film Festival, Barcolana, In\Visiblecities – Contaminazioni digitali, Pordenonelegge / mostra BookArt Interazioni sensoriali, Autorità di Sistema Portuale dell’Alto Medio Adriatico. Ha esposto opere in diverse gallerie come Icon Factory a Dublino, Studio Baustelle a Berlino, DRHA2014, University of Greenwich a Londra, * ICMC-SMS, Kostis Palamas Building Atene. Ha ricevuto premi nel 2013, 2015 e 2016 per le arti visive Lilian Caraian. Foot Crew è una squadra professionistica di football freestyle nata a Roma nel 2010 e composta dai migliori performer in Italia. Lavorano costantemente a fianco a grandi brand internazionali strutturando eventi dedicati. Hanno fondato la prima accademia di calcio freestyle in Italia per insegnare ai giovani come diventare i campioni di domani. Il team è composto da giovani, tra cui il triestino Swann Ritossa (ToP32 World, presidente Accademia Italiano Calcio Freestyle, Presidente Fast Foot Crew, Perrormer ufficiale A.S. Roma, Nazionale Calcio a 5, Milano jr Camp, Italia Soccer Camp, Coach presso F.C: Barcellona), Anatstasia Bagaglini (quarta al Mondo categorie donne, prima in Italia, Coach Accademia Italiana Calcio Freestyle, performer ufficiale A.S. Roma) Giuseppe Cardaropoli (Top50 World Ranking, TOP8 Red Bull Street Style Italia, Coach Accademia Italiana Calcio Freestyle, coach Freestyle For Football, performer ufficiale A.S. Roma, performer ufficiale Nazionale italiana futsal, performer ufficiale A.C. Fiorentina) Davide Pisani (TOP32 in the World,TOP3 Italy, Official Performer of DUBAI TOUR , performer ufficiale A.C. Fiorentina, performer Ufficiale A.S. Roma, Coach Accademia Italiana Calcio Freestyle) Giorgio Luppi (TOP8 Panna World Final, performer ufficiale A.S. Roma, Coach Accademia Italiana Calcio Freestyle)

IL CAMPO DA CALCIO IN PIAZZA UNITÀ D’ITALIA Per la prima volta un campo da calcio verrà allestito in piazza Unità d’italia per permettere agli amatori di potersi sfidare nella piazza principale della città. Sarà messa da disposizione delle squadre, quale spogliatoio, la Sala Comunale d’Arte sita al piano terra del Municipio. La prenotazione è completamente gratuita con registrazione obbligatoria direttamente dal sito uefa-under21.online.trieste.it Si potrà prenotare uno o più orari, compilando il form online. Nelle giornate delle partite lunedì 17 giugno, giovedì 20 giugno e domenica 23 giugno verranno organizzati degli stage per le squadre di calcio giovanili del Comune di Trieste insieme ai Freestyler Fast Foot Crew, fondatori della prima Accademia riconosciuta di Calcio Freestyle in Italia. Dal 14 al 23 giugno in piazza Unità d’Italia