Degrado al Giardino pubblico, l'assessore Lodi: «Inquinamento diffuso all'interno del Giardino»

Degrado al Giardino pubblico, l'assessore Lodi: «Inquinamento diffuso all'interno del Giardino»

«Con riferimento alla conferenza stampa sullo stato del Giardino Pubblico “de Tommasini” di via Giulia tenuta da una Consigliera comunale d'opposizione ritengo necessario ricordare a chi rappresenta i cittadini all’interno dell'Assemblea municipale l’esistenza della non semplice problematica inerente l’inquinamento diffuso all’interno dello stesso Giardino. Una questione emersa non certo ieri mattina o nei giorni scorsi bensì nel 2016 e che questa Giunta ha affrontato introducendo il sistema del fitorimedio nelle aree dove è stata acclarata la sussistenza dell'inquinamento». Lo rileva l'assessore ai lavori pubblici Elisa Lodi in risposta al Sabrina Morena di OpenFvg. «In tal senso - continua Lodi -  l’impresa incaricata dal Comune ha effettuato alcune settimane fa lo sfalcio delle superfici sulle quali era iniziata l'operazione di fitorimedio (riguardante circa la metà del Giardino, in aree opportunamente recintate), riservandosi di effettuare successivamente (ma in pratica già a partire da domani) lo sfalcio nelle restanti aree, attualmente non sottoposte all'intervento anti-inquinamento». Giardino pubblico, botta risposta Morena-Dipiazza: «Degrado», «Parli a vanvera» «Da rilevare - ancora -  che l'azione di fitorimedio continuerà anche dopo l'estate con la piantumazione di nuove piante. E come nei precedenti interventi di sfalcio e pulizia, ribadisco che si presterà la massima attenzione, seguendo le prescrizioni e raccomandazioni formulate dal tavolo tecnico istituito presso la Regione, tagliando cioè il giusto ma non troppo. Alla Consigliera comunale intervenuta ricordo anche le opere già recentemente svolte per la  manutenzione straordinaria del laghetto e le potature nella zona circostante». «Auspico - conclude - quindi che la Consigliera la prossima volta mi contatti per avere informazioni semplici e dirette, non ricordando ad oggi sue richieste di notizie in merito, né di aver ricevuto mozioni o sue note sul tema della manutenzione del Giardino di via Giulia».