Triestina, male la prima in casa: sconfitta contro il Matelica

Triestina, male la prima in casa: sconfitta contro il Matelica
U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 – S.S. MATELICA  0-1 (P.T. 0-1)
 
MARCATORI: 12′ De Santis
 
U.S. TRIESTINA CALCIO 1918 (4-3-3): Offredi; Rapisarda (78′ Natalucci), Tartaglia, Lambrughi, Struna (55′ Ligi); Giorico (55′ Granoche), Lodi, Rizzo (78′ Maracchi); Sarno, Gomez, Di Massimo (46′ Petrella).  A disposizione: Valentini, Rossi, Mensah.  All. Carmine Gautieri
 
S.S. MATELICA (4-3-3): Cardinali; Fracassini, Cason, De Santis, Di Renzo; Calcagni (78′ Barbarossa), Bordo, Balestrero; Volpicelli (65′ Franchi), Moretti, Leonetti (88′ Magri).  A disposizione: Martorel, Monti, Pizzutelli, Santamarianova, Baraboglia, Peroni, Ruani.  All. Gianluca Colavitto
 
ARBITRO: Moriconi (Roma 2)  ASSISTENTI: Marchetti (Trento) Ferrari (Rovereto)  IV UOMO: Sfira (Pordenone)
 
NOTE: Pomeriggio coperto, terreno di gioco in ottime condizioni. Ammoniti: Lambrughi, Ligi, Tartaglia (Ts) per gioco falloso. Recupero: 0′ e 4′
 
 
 
Prima di campionato per i rossoalabardati, di scena tra le mura amiche di fronte a poco meno di 1000 spettatori contro il neopromosso Matelica. Scelte piuttosto obbligate per Carmine Gautieri, costretto a rinunciare all’infortunato Procaccio e allo squalificato Brivio, oltre a Boultam, Ioime e Paulinho. Partenza arrembante degli ospiti, al tiro al 4′ con un destro di Leonetti dal limite che termina alto non di molto. La Triestina prova a far gioco ma i marchigiani sono compatti e pimpanti e da palla inattiva trovano il vantaggio al 12′: centro di Leonetti dalla trequarti sinistra e tocco sottomisura di De Santis sul secondo palo. Unione sbilanciata a caccia dell’immediato pari e ospiti che ci riprovano in contropiede al 15′, destro dal limite di Leonetti debole e bloccato da Offredi. Al 16′ vivaci proteste alabardate, su una sponda aerea di Struna c’è un evidente ‘mani’ di Fracassini, Moriconi lascia correre. Al 24′ opportunità su calcio da fermo per il Matelica, Volpicelli dai 18 metri prova il mancino a giro, palla ben indirizzata ma lenta e Offredi mette in corner, poi senza esito. Al 28′ contatto cercato da Leonetti su Lodi in area giuliana, Moriconi tra le proteste indica il dischetto e lo stesso Leonetti calcia, leggera ma decisiva deviazione di Offredi con palla che colpisce la traversa vanificando una grossa occasione. Al 35′ prima vera parata di Cardinali, corner ampio a rientrare di Sarno e incornata sottomisura di Tartaglia, grande riflesso del’estremo marchigiano. Altra grande occasione Unione al 36′, stavolta è Sarno a concludere da 7-8 metri col mancino dopo un pregevole stop a seguire, palla a lato di un soffio con deviazione decisiva di un difensore. Dal corner con sfera spizzata sul primo palo, la difesa marchigiana salva provvidenzialmente su Tartaglia pronto ad appoggiare da due passi in rete. Al 38′ Struna centra basso da sinistra, Di Massimo va col destro a colpo sicuro trovando Cason a salvare quasi sulla linea a portiere ampiamente fuori causa. Al 42′ schema da corner della Triestina a liberare Lodi in corsa dal limite, piatto sinistro preciso ma intuito da Cardinali che blocca in tuffo. E’ l’ultima vera occasione della prima frazione, giocata meglio dagli ospiti per mezz’ora e caratterizzata da una rabbiosa reazione alabardata nell’ultimo quarto d’ora, con diverse situazioni per rimettere il punteggio in parità.
 
Al rientro in campo una variazione nei ventidue ed è alabardata, Petrella per Di Massimo. Prova a prendere subito campo la Triestina ma a parte un timido tentativo di Lodi dalla media distanza non arrivano occasioni di rilievo. Al 10′ doppio cambio alabardato, dentro Ligi e Granoche per Struna e Giorico, passaggio al 4-2-4. Clamorosa palla gol Triestina al 15′, Sarno dentro per Granoche, cross in spaccata sul secondo palo, Petrella calcia a botta sicura trovando una fortuita deviazione marchigiana a mettere in corner negando il pari. Al 21′ primo cambio ospite, con Franchi che prende il posto di Volpicelli. Doppia possibilità per la Triestina al 23′, slalom di Gomez e cross basso per Granoche sotto porta, scivolata decisiva di Cason, sul prosieguo Rizzo prova il destro rasoterra dai venti metri, la sfera sibila a lato alla destra di Cardinali. Fiammata ospite al 25′, azione personale di Leonetti che entra in area e trova un grande Offredi in uscita bassa a sbarrargli la strada. Al 26′ bella palla di Rapisarda dalla trequarti destra, Granoche non arriva di un soffio di testa e Petrella in spaccata non trova il giusto impatto col pallone sul secondo palo da pochi metri. A pochi secondi dalla mezz’ora è Rizzo su azione da corner a provare il destro a giro dal limite, la palla viaggia di poco alta con Cardinali comunque in controllo. Al 32′ cambi da ambo le parti, Natalucci e Maracchi nella Triestina al posto di Rapisarda e Rizzo, Barbarossa per Calcagni negli ospiti. La Triestina preme, con rabbia ma senza lucidità, il Matelica resta ben coperto all’indietro e cerca di rischiare il meno possibile riuscendo nell’intento. Si entra nel recupero e allo scadere dei 4′ concessi da Moriconi l’ultima palla è per Sarno, che calcia però alto dal limite. Finisce con la comprensibile gioia del Matelica, la Triestina stecca all’esordio ed è chiamata ora a rialzarsi con un doppio impegno ravvicinato, a Monza in Coppa Italia martedì e domenica in trasferta a Cesena.