Trieste Running Festival, Cosolini: «Qualcuno pagherà per questo disastro?»

Trieste Running Festival, Cosolini: «Qualcuno pagherà per questo disastro?»

«Prima ci hanno detto che alla mezza maratona della Trieste Half Marathon sarebbero stati invitati solo professionisti bianchi, perché a quanto pare i manager degli atleti di colore erano tutti scorretti. Poi hanno fatto dietrofront, si sono rimangiati quanto detto, e hanno invitato 5 atleti di colore i cui manager evidentemente sono persone serie e corrette». Lo rileva in una nota l'ex sindaco ed attuale consigliere regionale Roberto Cosolini. Trieste Running Festival, 5 top runner africani «Davvero - ancora - strano che chi organizza questo evento da anni non avesse prima le informazioni necessarie per fare una selezione basata su serietà e principi etici piuttosto che sul colore della pelle dei corridori, non trovate?» Trieste Running Festival, Carini «Insulti a me e manifestazioni dovuti a misconoscenza o malafede»

«Perfino Generali - continua Cosolini - , main sponsor della manifestazione, è dovuta intervenire per richiamare il sindaco difronte a questo disastro.  Testate giornalistiche di mezzo mondo hanno dedicato titoli a questo scandalo… e il nostro governo regionale cosa ha fatto? Avrebbe fatto bene a prendere le distanze, invece che minacciare querele e difendere quel che diventava ogni ora più indifendibile. Quel che è certo è l'ennesimo devastante danno di immagine che Trieste ha subito». Trieste Running Festival, Furian-Maxino: «Non saremo testimonial, ci tiriamo fuori» «Qualcuno - conclude Cosolini -  pagherà per questo disastro? Conclusa la manifestazione cosa succederà? In una città normale, in un Paese normale, chi combina una cosa di questo tipo ha il buon gusto e il buon senso di andarsene. Non so perché, ma ho la sensazione che per questo genere di cose non siamo una città normale in un Paese normale». Trieste Running Festival, il The Guardian parla della vicenda triestina