Croazia presa d'assalto dai turisti stranieri, ma per i croati costa troppo andare in vacanza

Croazia presa d'assalto dai turisti stranieri, ma per i croati costa troppo andare in vacanza
Le località di villeggiatura in Croazia sono state prese letteralmente d’assalto dai turisti e si ipotizza che si possano raggiungere i numeri record del 2019, se non addirittura superarli. Dopo due anni di restrizioni, nonostante la pandemia sia ancora presente, la voglia d'estate ha avuto la meglio, anche con i pesanti costi dell'inflazione. Gli alberghi sono al completo, soprattutto occupati da turisti stranieri che si possono permettere di pagare cifre molto elevate per una settimana di assoluto relax e servizi all inclusive. Dall’altro canto, la maggior parte delle famiglie croate fa fatica a permettersi un simile “lusso”. Infatti, da un recente studio dell'Eurostat, il 51,3% dei croati non è in grado di pagarsi sette giorni di vacanza, tra affittare un alloggio e spendere per il costo del trasporto. Invece, la maggior parte dei turisti stranieri ha optato per strutture private, ovvero affittacamere, di cui la Croazia offre in abbondanza. In queste strutture è previsto solo l'alloggio, mentre il vitto bisogna procurarselo da soli. Lavoce.hr