ASUGI: «Coronavirus, stabilimenti dedicati a gestione esclusiva del paziente affetto se infrastrutture lo permettono»

ASUGI: «Coronavirus, stabilimenti dedicati a gestione esclusiva del paziente affetto se infrastrutture lo permettono»

In riferimento a quanto presentato in una nota da Walter Zalukar, consigliere regionale del Gruppo Misto, in cui si riferisce alla necessità di identificare prioritariamente stabilimenti dedicati alla gestione esclusiva del paziente affetto da Covid-19, si ribadisce che le indicazioni del Ministero della Salute trovano risposta in tutta Italia se le infrastrutture lo permettono.

La gestione dell’infezione da Covid prevede di considerare l’evoluzione della malattia nelle diverse intensità di cura, in base alla sintomatologia: i pazienti possono essere sintomatici non gravi che richiedono ricovero e quindi degenze internistiche, o sintomatici medio gravi e gravissimi con richiesta di assistenza di ventilazione assistita da eseguirsi nei servizi di Terapia semi intensiva e intensiva.

Le Terapie intensive e semi intensive sono ubicate nel complesso ospedaliero di Cattinara e non è pensabile di trasferirle al Maggiore in quanto Cattinara rimane l'ospedale Hub, garantendo interventi ad alta complessità e anche la presa in carico di pazienti in terapia intensiva non Covid.

Risulta altresì non percorribile l'apertura di una ulteriore semintensiva e intensiva al Maggiore per una accertata carenza di personale: le stesse scuole di specialità non garantiscono un numero sufficiente di pneumologi e anestesisti.

Quindi, siccome il percorso di cura del paziente Covid è organizzato in diversi livelli di intensità di cura, i pazienti che non necessitano di cure intensive e semintensive sono collocati all’ospedale Maggiore dove sono presenti spazi e personale formato in aree dedicate e percorsi separati per i pazienti che necessitano di ventilazione assistita e che sono collocati nell’ospedale Hub di Cattinara la dove sono presenti tutte le specialità chirurgiche e mediche pronte a intervenire.

Le aree Covid di Cattinara sono ben definite, isolate dagli altri reparti e con percorsi dedicati, pertanto non c’è commistione di pazienti Covid positivi e negativi nello stesso reparto.

 

Il pronto Soccorso di Cattinara riceve praticamente tutti i flussi di pazienti che necessitano di emergenza urgenza e anche la medicina d’urgenza svolge una funzione di filtro indirizzando i pazienti che necessitano di ricovero in reparti Covid e non Covid, servizio che non è presente al Maggiore con l'intensità di cura che è invece approntata a Cattinara.

I dati richiesti sui contagi Covid-19 negli ospedali triestini di medici, infermieri e di tutti gli altri operatori, dei loro familiari e infine dei pazienti che avevano contratto l'infezione durante il ricovero ospedaliero sono stati presentati in data in Terza commissione il 20 Maggio.